Blog | Lipoemulsione sottocutanea: Il trattamento contro le adiposità localizzate

13

Lug
2020
Commenti disabilitati su Lipoemulsione sottocutanea: Il trattamento contro le adiposità localizzate

Lipoemulsione sottocutanea: Il trattamento contro le adiposità localizzate

Nel corso degli ultimi anni abbiamo visto un’elevata percentuale di persone, sia uomini che donne, avvicinarsi ai trattamenti di medicina estetica. Le ragioni sono essenzialmente due: il desiderio di migliorare la propria estetica e l’eccessiva invasività degli interventi chirurgici. Inoltre, si è potuto riscontrare che, nonostante la lieve invasività, le tecniche di medicina estetica fossero comunque in grado di soddisfare le esigenze dei pazienti.

In particolare, possiamo affermare che la maggior parte delle richieste si concentri in due macro-aree: ringiovanimento e modellamento della silhouette. Nell’articolo di oggi abbiamo deciso di dare spazio alla lipoemulsione sottocutanea, un trattamento sicuro ed efficace il cui obiettivo è quello di ridurre ed eliminare le adiposità localizzate.

Queste ultime infatti, sono in grado di deformare le linee del corpo, specie quando ci troviamo di fronte ad una massa adiposa importante. Inoltre, vengono definite “adiposità localizzate” proprio per la specificità delle zone che colpiscono. Tendenzialmente, le parti del corpo più soggette all’accumulo di grasso sono i fianchi, l’addome, i glutei e le cosce. Ecco che, in questo caso, ci si può affidare all’efficacia e alla sicurezza della lipoemulsione sottocutanea.

Lipoemulsione sottocutanea: Facciamo chiarezza

Ogni trattamento di medicina estetica si caratterizza per metodiche precise e specifiche. Tuttavia, in alcuni casi si potrebbe rischiare di fare confusione. I nomi di queste pratiche possono apparire somiglianti, ma non bisogna lasciarsi ingannare.

La lipoemulsione, per esempio, non deve essere scambiata per la liposuzione o per la laserlipolisi. La liposuzione, ormai molto conosciuta, è un’operazione chirurgica vera e propria. Difatti, per il paziente è piuttosto invasiva, così come il periodo di guarigione non è dei più rapidi. Dall’altra parte invece, abbiamo la laserlipolisi, un trattamento di medicina estetica che assomiglia alla lipoemulsione.

Infatti, a porle su due piani differenti, sono le tecniche utilizzate. Lo scopo ed i risultati invece, sono praticamente identici. In pratica, ciò che differenzia la laserlipolisi dalla lipoemulsione sottocutanea è il modo in cui le cellule adipose vengono distrutte:

  • Laserlipolisi: utilizzo di un laser a fibra ottica
  • Lipoemulsione: utilizzo degli ultrasuoni

Un’altra caratteristica che accomuna questi due trattamenti è la possibilità di effettuarli in tutte le zone del corpo affette dai cuscinetti adiposi. In particolare, queste due pratiche sono ottimali per trattare aree come i fianchi, l’addome, i glutei e l’interno coscia.

Inoltre, entrambi questi trattamenti consentono di migliorare il tono, l’elasticità e la compattezza della pelle. Di conseguenza, non si parla solo di trattamenti dimagranti, ma anche di tecniche che lavorano sul cedimento dei tessuti, donando un aspetto più uniforme ed armonioso all’epidermide.

Lipoemulsione sottocutanea: Come avviene il trattamento

La tecnica utilizzata durante le sedute di lipoemulsione abbiamo avuto modo di anticiparla: abbiamo a che fare con gli ultrasuoni. Prima di parlare del trattamento però, ci teniamo a sottolineare l’importanza di prendere un appuntamento conoscitivo, che presso lo studio di medicina estetica Papini, ricordiamo essere gratuito.

Il primo incontro è importante per permettere al medico di valutare la condizione iniziale del paziente, capendo le sue esigenze e potendogli suggerire i migliori trattamenti per raggiungere i suoi obiettivi. Per quanto concerne lo svolgimento della seduta, il medico estetico procederà, tramite un apposito pennarello, alla delimitazione dell’area da trattare.

trattamento adiposità localizzate

Successivamente, dopo aver effettuato l’anestesia locale, verrà inserita la cannula che emette gli ultrasuoni. A questo punto, parte delle cellule adipose verranno aspirate con una siringa, ed in parte riassorbite dall’organismo. La lipoemulsione sottocutanea è un intervento molto blando e praticamente indolore per il paziente, che può tornare alle sue attività quotidiane nell’immediato.

La durata del trattamento è di circa mezz’ora, ma può arrivare anche a sfiorare i 60 minuti. Inoltre, per le adiposità di lieve entità, sarà sufficiente una seduta, mentre per quelle più importanti si potrebbe arrivare anche a 2-3 sedute.

Vantaggi e benefici della lipoemulsione sottocutanea

Questo trattamento di medicina estetica porta con sé una serie di vantaggi che lo rendono una delle opzioni primarie quando si desidera eliminare gran parte del grasso sottocutaneo. Come abbiamo potuto capire tramite la spiegazione di come avviene la seduta, la lipoemulsione è un trattamento che viene effettuato ambulatorialmente in anestesia locale.

In altre parole, il paziente non andrà incontro a nessun periodo di degenza o di guarigione, poiché si parla di una tecnica poco invasiva a livello fisico. Allo stesso tempo, la lipoemulsione è un trattamento molto sicuro. La cannula che emette gli ultrasuoni agisce sui livelli superficiali del derma, lasciando intatti i vasi sanguigni, i capillari e tutta la struttura dell’epidermide.

Inoltre,ci troviamo di fronte ad un trattamento molto efficace contro le adiposità localizzate, distrutte istantaneamente all’azione intradermica degli ultrasuoni. Questi ultimi agiranno anche sulle fibre di sostegno dell’epidermide, di modo da evitare eccessi di tessuto. Detto in altri termini, parliamo di un effetto lifting molto naturale.

Un altro vantaggio risiede nell’immediatezza con cui si evidenziano i miglioramenti della forma fisica. A differenza di altri trattamenti di medicina estetica, il paziente potrà osservare il modellamento della propria silhouette dopo poche ore dal termine della seduta. Infine, l’ultimo vantaggio da sottolineare della lipoemulsione sottocutanea è la durabilità dei risultati, che sarà permanente.

Il post-trattamento 

La fase di post-trattamento abbiamo capito essere essere molto soft per il paziente. Tuttavia, è da tenere in considerazione che, per 10 giorni dalla seduta, sarà necessario indossare una guaina sulla zona trattata. In questo modo si velocizzerà il riassorbimento dell’edema. Inoltre, al termine della seduta si potrebbero avvertire dei leggeri fastidi nella zona infiltrata, un sintomo del tutto normale e che tenderà a scomparire nel corso di qualche ora, o al massimo di qualche giorno. Ad ogni modo, il medico si premurerà di fornire tutte le informazioni del caso al paziente, con il fine di garantire un recupero veloce.

 


Comments are closed.