Blog | Occhiaie: Come sconfiggerle con la medicina estetica

13

Lug
2020
Commenti disabilitati su Occhiaie: Come sconfiggerle con la medicina estetica

Occhiaie: Come sconfiggerle con la medicina estetica

Le occhiaie sono un inestetismo che colpisce la zona perioculare del viso. A causa del loro colorito scuro, che spesso si unisce ad un occhio scavato, lo sguardo appare stanco e triste, ed il viso viene così appesantito. Le occhiaie possono colpire soggetti giovani e adulti, poiché l’età non è un fattore che incide sulla comparsa delle occhiaie. Come vedremo, le cause sono molteplici, e si possono ricercare nella fragilità dei capillari sanguigni presenti nella zona perioculare.

Ciò che porta allo sviluppo delle occhiaie infatti, non ha nulla a che vedere con le cause che stimolano le borse sotto agli occhi, un altro inestetismo piuttosto diffuso. In questo caso infatti, l’inestetismo è causato da un eccesso di ritenzione idrica o di accumulo adiposo, che provoca un evidente gonfiore al di sotto della palpebra inferiore. Tuttavia, nel caso si tratti di un accumulo adiposo, il trattamento a cui affidarsi è simile a quello utilizzato per migliorare le occhiaie: filler a base di acido ialuronico, anche se vi sono differenze perchè bisogna eliminare le borse prima.

Come e perché vengono le occhiaie

Come stavamo dicendo, le occhiaie sono un inestetismo che si presenta sul viso e, per le caratteristiche che presenta, è in grado di incupire lo sguardo. Oltre alla causa più rinomata, ovvero la mancanza di sonno, le occhiaie si formano in seguito alla rottura dei vasi capillari. Questi infatti, sono molto fragili e sottili, e per questo è molto facile che si rompano.

Quando questo accade, abbiamo la fuoriuscita di micro-gocce di sangue, che danno vita ad un piccolo stravaso. L’occhiaia infatti, presenta un colore violaceo tendente al grigio, dovuto alla presenza del ferro nel sangue. In sostanza, ciò che avviene, è la fuoriuscita di sangue dai vasi capillari che, rimanendo “intrappolato” nella struttura dell’epidermide, finisce per “macchiarla”.

Inoltre le occhiaie originano anche per un notevole assottigliamento della pelle, che evidenzia ulteriormente la visibilità dei capillari ed il colorito violaceo della zona. Infine, bisogna tenere presente che il problema della fragilità capillare aumenta di pari passo con l’età. Superata una certa soglia infatti, basta uno sbalzo di temperatura o di pressione a causarne la rottura. Ecco perché, per evitare di aumentare le probabilità che i capillari si rompano, sarebbe meglio non sfregarsi gli occhi con eccessiva forza.

Riduzione delle occhiaie: La risposta della medicina estetica

Prima di parlare dei filler, il trattamento più efficace per combattere le occhiaie, è necessario fare degli approfondimenti. La maggior parte delle persone che soffre di questo inestetismo cerca spesso di rifarsi a soluzioni casalinghe o rimedi naturali. Tuttavia, data la causa scatenante, queste tecniche offrono risultati minimi e poco soddisfacenti.

Ciò che invece è consigliabile fare, è applicare quotidianamente delle creme o delle pomate specifiche, realizzate con l’unico fine di ridurre le occhiaie. La loro azione, unita al delicato massaggio dei polpastrelli, stimola il flusso sanguigno nella zona perioculare, apportando benefici e miglioramenti. Tuttavia, per ottenere risultati più incisivi e soddisfacenti, è opportuno valutare l’idea di sottoporsi alle iniezioni di acido ialuronico.

occhiaie filler acido ialuronico

Queste infatti, consentono di ripristinare il volume perduto, apportando un riempimento della zona perioculare ed un ispessimento dell’epidermide. L’acido ialuronico è una sostanza che si trova naturalmente nella struttura dell’epidermide, e che viene prodotta dal nostro organismo. Ecco perché, la maggior parte dei trattamenti di medicina estetica, vedono l’impiego di questo acido per ridurre od eliminare gli inestetismi cutanei.

Inoltre, la soluzione iniettata nella zona perioculare è specifica e dedicate a quell’area,presenta anche una componente di vitamine, oligo elementi ed amminoacidi. Questi, insieme all’acido ialuronico, hanno il compito di stimolare la produzione di nuovo collagene ed elastina. In questo modo, la zona in questione apparirà anche più tonica e compatta. Infine, un altro vantaggio dei filler risiede nella loro versatilità, poiché rispondono a tutti i tipi di occhiaie: profonde, superficiali, datate o giovani.

Come avviene il trattamento

Innanzitutto, bisogna sottolineare che, come tutti i trattamenti a base di acido ialuronico, anche quello per le occhiaie non offre risultati permanenti. Trattandosi di una sostanza naturalmente riassorbibile dall’organismo, dopo un po’ di tempo gli effetti ottenuti dalle iniezioni tenderanno a farsi meno evidenti. Ecco perché, nella maggior parte dei casi, dopo un certo period è necessario sottoporsi di nuovo alla seduta.

Tuttavia, in base alla soluzione iniettata, i risultati potranno permanere da 6 fino a 12 mesi, in base a ciò che è stato concordato con il medico. Prima di effettuare la prima seduta infatti, è raccomandabile effettuare un appuntamento conoscitivo con il medico. A tal proposito, ricordiamo ai nostri lettori che presso lo studio di medicina estetica Papini a Torino, la prima visita è gratuita. É sufficiente recarsi nella sezione dei contatti ed inserire i propri dati.

Ad ogni modo, il trattamento è semplice, rapido ed indolore, al punto che non sarà necessario effettuare alcun tipo di anestesia. Durante la seduta infatti, il paziente percepirà solamente un leggero fastidio, molto sopportabile. La durata di una seduta è di circa 20-30 minuti, ed i risultati saranno apprezzabili al termine del trattamento.

Il post-trattamento e le controindicazioni

Le iniezioni di filler all’acido ialuronico sono molto poco invasive per il paziente. Al termine della seduta infatti, potrà tornare a svolgere le normali attività. Tuttavia, durante la prima settimana, è sconsigliato lo svolgimento di attività sportiva, così come l’esposizione solare. Inoltre, per i primi due giorni è opportuno evitare trattamenti come le saune ed il bagno turco, onde evitare di compromettere i risultati ottenuti.

Per quanto riguarda le controindicazioni, i filler non ne presentano. Al massimo si può parlare di lievi effetti indesiderati, come un leggero gonfiore sotto all’occhio o piccole ecchimosi. Questi sintomi, ad ogni modo, tendono a sparire nel corso di pochi giorni. Infine, il trattamento non presenta alcun tipo di limitazione circa il periodo dell’anno in cui dovrà essere eseguito. In altre parole, ci si può sottoporre alle iniezioni di acido ialuronico in qualsiasi periodo dell’anno.


Comments are closed.