Trattamenti

Laser CO2 ablativo per discheratosi, fibromi e lesioni benigne

in trattamenti-laser,

 

Il laser ad anidride carbonica è una sorgente che emette un fascio di luce infrarossa con lunghezza d’onda di 10600 nm, ed ha come bersaglio (cromoforo) principale l’acqua dei tessuti, determinandone la vaporizzazione.

hpic2
Il fascio puo’ essere emesso in modo continuo, pulsato, superpulsato ed ultrapulsato, mentre, le modalita’ operative, possono essere in regime continuo, a singolo impulso o a impulsi ripetuti È impiegato principalmente come sorgente chirurgica, preciso e facilmente utilizzabile anche per trattamenti estesi o dove sia necessario ottenere il miglior controllo del calore ceduto ai tessuti.
 
studio-medico-medicina-estetica-papini-trattamenti-laser-laser CO2  ablativo-02
 
Il suo spettro di luce è assorbito prevalentemente dall’acqua, dunque grazie all’elevato contenuto idrico del corpo agisce vaporizzando i tessuti, senza lasciare esiti cicatriziali, ed eseguendo anche la coagulazione, con minimo o assente sanguinamento.
Il decorso post-trattamento prevede una detersione leggera e uso di pomate idonee. La cute, durante i primi giorni, apparirà arrossata, con aree di abrasione e fuoriuscita di siero. Tutto ciò scomparirà per lasciare il posto a una cute lucida e rinnovata che inizialmente sarà più rosa per poi riacquistare la colorazione abituale. Questo processo richiede un tempo variabile di alcune settimane.
Nel periodo successivo al trattamento non bisogna assolutamente esporsi alla luce solare e utilizzare prodotti fotosensibilizzanti.

Contattaci per richiedere informazioni, oppure visita la pagina “Domande Frequenti

Ritorna alla pagina TRATTAMENTI