Trattamenti

Smagliature (striae distensae)

in trattamenti-corpo,

 

Le smagliature, chiamate più propriamente “striae distensae”, sono alterazioni della superficie della pelle generalmente legate allo sviluppo puberale e alla gravidanza

hpic2
 
Le smagliature hanno una localizzazione bilaterale e possono comparire in ogni parte del corpo con un orientamento caratteristico che dipende dalla zona colpita. In particolare, seguono precisamente le linee di Langer, linee secondo cui sono disposte le fibre delle fasce muscolari superficiali.
L’età di insorgenza e la localizzazione delle smagliature variano in base al sesso.
Nelle donne compaiono tra i 12 ed i 16 anni, con picco massimo durante la gravidanza, mentre i maschi presentano la massima incidenza tra i 14 e i 20 anni.
E’ nota un’azione negativa degli estrogeni sulla sintesi del collagene, che determina un aumento considerevole dell’incidenza della patologia nel sesso femminile. Sostanziali differenze si evidenziano tra i due sessi anche a livello della localizzazione. Nell’uomo, le strie, si osservano a livello della regione lombo-sacrale, dell’addome, del torace e dei glutei. Nella donna le ritroviamo tipicamente su glutei, sull’esterno ed interno coscia ma soprattutto a livello dell’addome e della mammella.
 
studio-medico-medicina-estetica-papini-trattamenti-corpo-smagliature-03
Il termine scientifico originale, striae distensae, fu coniato da Roderer, che le descrisse nel 1773; tuttavia, fu solo nel 1867 che Koestner le analizzò dal punto di vista istologico e, dopo aver osservato le caratteristiche atrofiche del tessuto colpito, le chiamò striae distensae.
Nel 1932 Cushing, contribuì, grazie ai suoi studi, a spiegare il processo di formazione delle smagliature.
Si presentano come striature longitudinali o solchi leggermente avvallati, paralleli tra di loro e localizzati più frequentemente alla parete laterale dell’addome e/o alla superficie laterale delle cosce, separate da tratti di cute sana. Sono costituite da cute atrofica di colore variabile secondo la loro fase evolutiva. Inizialmente di colore rosa che vira al violetto (fase infiammatoria), striae rubrae, le smagliature assumono in seguito tonalità madreperlacea (fase cicatriziale), striae albae.
 
studio-medico-medicina-estetica-papini-trattamenti-corpo-smagliature-02
 
Diverso il discorso per le smagliature di origine iatrogena, che appaiono solo sul sito di applicazione del trattamento, nel caso di farmaci corticosteroidei, o in corrispondenza di zone cutanee sottoposte a tensione e stress meccanici.
La terapia per migliorare le striae si avvale di moleplici metodiche: peelings chimici, carbossiterapia, rivitalizzanti, e laser CO2 frazionale. La terapia domiciliare e adeguati integratori alimentari, laddove necessitino, sono un utile supporto.
I risultati migliori si ottengono con le striae rubrae, di più recente insorgenza.

Contattaci per richiedere informazioni, oppure visita la pagina “Domande Frequenti

Ritorna alla pagina TRATTAMENTI