Blog | Capire e combattere le rughe verticali tra le sopracciglia

28

Ago
2018
Commenti disabilitati su Capire e combattere le rughe verticali tra le sopracciglia

Capire e combattere le rughe verticali tra le sopracciglia

I medici estetici inglesi le chiamano “11”, in Italia si definiscono come rughe del pensiero, o del leone, appaiono anche da giovani e sono una delle cause per cui il nostro viso dimostra più anni di quanti ne abbiamo: stiamo parlando delle rughe tra le sopracciglia, un problema comune che molte donne vorrebbero combattere. In questa guida, dunque, ci concentreremo sulle cause di questo fenomeno e sui trattamenti di medicina estetica che possono aiutare a ritrovare l’elasticità del derma in una zona così visibile del corpo. 

Come si formano le rughe tra le sopracciglia 

Le rughe verticali sulla fronte sono spesso profonde e slegate dall’invecchiamento. La comunità medica è concorde nell’attribuire la causa di questo fenomeno all’uso frequente di alcuni muscoli facciali; quando mostriamo un’emozione tramite la nostra espressività, ad esempio corrugando la fronte, questi muscoli sono chiamati in causa. Nel corso del tempo ciò può portare ad una riduzione dell’elastina cutanea e alla rottura delle fibre di collagene,  motivazioni che stanno sempre alla base della formazione delle rughe. 

Ancora una volta dobbiamo sottolineare l’importanza dei fattori congeniti, o intrinseci,  e delle abitudini quotidiane, fattori estrinseci e dunque modificabili. Il codice genetico è responsabile di molti caratteri estetici, tra cui una maggiore o minore propensione alla formazione delle rughe. Tra le cause esterne, chi è spesso esposto alla luce del sole, fuma o non si idrata a sufficienza, non aiuta la prevenzione delle rughe tra le sopracciglia. 

ruga verticale in mezzo alla fronte

La ruga verticale tra le sopracciglia è un inestetismo comune a cui si può rimediare

I muscoli del viso ritenuti direttamente responsabili della formazione di questo inestetismo sono molteplici. Le espressioni che li attivano maggiormente sono quelle corrucciate ed accigliate, tendenzialmente associate alle emozioni tristi o ai momenti in cui si è dubbiosi. Ci piace pensare a questa cosa come ad un piccolo messaggio positivo che il corpo ci invia: sorridere “non fa venire le rughe”, un motivo in più per farlo. 

Curare le rughe verticali con la medicina estetica 

Il nostro studio propone diversi rimedi per il ringiovanimento del volto; nel ventaglio di opzioni disponibili ve ne sono alcune adatte alla eliminazione dell’inestetismo delle rughe in mezzo alla fronte. Tra i rimedi che vengono comunemente utilizzati, vi sono: 

  • Iniezioni di botulino: sono notoriamente impiegate per la rimozione delle rughe, andando a distendere i tratti e restituendo un aspetto più giovane alla pelle. E’utile dare seguito alle prime sedute in modo che la distensione sia duratura e naturale. Il follow-up viene sempre stabilito dal medico estetico valutando in base al singolo caso, ma indicativamente il tempo medio prima di procedere con una seduta successiva varia dai tre ai sei mesi. 
  • Acido ialuronico: i filler cutanei a base di acido ialuronico possono attenuare o cancellare le rughe verticali, anche se da soli non costituiscono il rimedio più idoneo in quanto se non attenuiamo anche l’iperattività dei muscoli interessati il risultato è breve.  Con il tempo il corpo riassorbe l’acido, che in ogni caso rientra tra le sostanze prodotte naturalmente dal nostro organismo, e stimola la fisiologica sintesi di nuovo collagene ed elastina, la cui produzione rende decisamente meno visibile l’inestetismo. 
  • Laser a CO2 o radiofrequenza frazionata: sono tecniche usate per stimolare la sintesi di collagene ed elastina, per cui possono essere usate per il ringiovanimento anche di questa area, però bisogna sempre tenere a mente che la prima cosa è ridurre l’eccessiva azione muscolare. 

 

Vorremmo ricordare ai nostri lettori di Torino la possibilità di trovarci nello studio di corso Stati Uniti, 35, per una prima visita senza impegno. 

 


Comments are closed.